Sla, Vescovi: «A Terni presto banca di staminali ma Stamina non c’entra niente»

rcatore: «Ice Bucket Challenge? Iniziativa lodevole ma ho preso già troppe docce gelate». Finanziamenti da Federfarma Umbria

«Non è il metodo Stamina, qui seguiamo le regole». Poche parole per fugare dubbi. Il professor Angelo Vescovi ha partecipato domenica all’Isola del Libro Trasimeno per presentare il suo libro “La cura che viene da dentro” insieme ad Augusto Luciani, presidente di Ferderfarma Umbria, in un incontro coordinato dal giornalista Mario Mariano portavoce dell’Azienda ospedaliera di Perugia.

La storia di Vescovi Nel 2012 nell’Azienda ospedaliera Santa Maria di Terni, un’equipe guidata da Vescovi ha effettuato il primo trapianto di cellule staminali neurali umane su un soggetto affetto da sclerosi laterale amiotrofica (Sla). L’impianto ha utilizzando cellule provenienti da un feto deceduto per cause naturali, con il protocollo della donazione d’organo, completamente scevro, quindi, dalle problematiche di natura etica di cui oggi molto si discute in termini di staminali. La fase preliminare di sperimentazione della terapia cellulare, durata un anno, condotta su un totale di sei pazienti affetti da Sla, ha avuto esito positivo per quanto riguarda la valutazione dei profili di sicurezza nelle procedure di trapianto cellulare. I risultati ottenuti hanno portato l’Istituto Superiore della Sanità e l’Aifa ad autorizzare l’avvio della successiva fase di sperimentazione, con trapianto di staminali dello stesso tipo (provenienti, cioè, da aborti spontanei) condotto in zone più alte (la regione cervicale) del midollo spinale. 

Banca delle staminali «Questo non è il metodo stamina – ha sottolineato Vescovi – si seguono le regole. Fino ad oggi i trapianti hanno riguardato un primo gruppo di pazienti affetti da sclerosi laterale amiotrofica in stato avanzato (con intervento sul midollo lombare) e un secondo gruppo caratterizzato da una fase intermedia della malattia, in cui il trapianto di midollo presenta rischi maggiori in ragione della complessità dell’intervento. Il terzo blocco, su cui siamo già a tre trapianti su sei, è rappresentato da pazienti affetti da Sla in fase iniziale. Se la fase 1 finisce entro l’anno con questo risultato a Terni avremo una banca di cellule staminali utilizzabili in tutta Italia e per tutte le patologie. Se riusciremo ad accedere alla fase 2 potremo dare il via alle terapie compassionevoli. Nella ricerca, però, non bisogna creare false speranze».

Federfarma dona «Noi vorremmo essere un punto di ascolto e di informazione seria per tutte quelle patologie degenerative che affliggono i cittadini – ha spiegato Luciani -. Metteremo a disposizione tutte le strutture e cercheremo di contribuire con delle donazioni per supportare questa ricerca. Pensiamo di poter devolvere una parte delle nostre risorse del bilancio 2014 alla ricerca sulle cellule staminali».

#icebucketchallenge Nel corso dell’incontro ha trovato spazio anche l’Ice Bucket challenge, l’iniziativa nata per raccogliere fondi per la ricerca per la lotta alla Sla ed esplosa sul web. «Ho già preso troppe docce gelate nella mia carriera di ricercatore – ha detto Vescovi – ma l’iniziativa è comunque lodevole, nel suo concetto americano. Sono a favore di tutto quello che porta attenzione in Italia, ma ho cose più importante e serie da fare in questo momento. La cosa più seria – ha concluso Vescovi – è quella di fare una donazione». «L’Ice Bucket challenge è una buona iniziativa se attira attenzione su queste malattie – ha aggiunto Luciani – ma è una ‘spettacolarizzazione’ che spetta ai Fiorello, non certo alle istituzioni e ai loro rappresentanti. Il Presidente del Consiglio, che stimo, farebbe meglio a finanziare seriamente la ricerca».

Provincia Nella mattina di domenica l’Isola del Libro Trasimeno ha messo sotto la lente la storia della Provincia di Perugia. L’incontro con il vice presidente provinciale Aviano Rossi e lo storico Maurizio Terzetti, autore del volume “Patria Locale”, di domenica 31 agosto, ha ripercorso le tappe dalla fondazione dell’Ente, nato come “Provincia dell’Umbria”, dai suoi primi passi ad oggi, senza dimenticare il nuovo assetto istituzionale e le elezioni oramai alle porte. Uno sguardo sul passato, il presente e il futuro della Provincia e soprattutto sui suoi personaggi carismatici, capaci di dare tantissimo al territorio come all’istituzione, riservando un’attenzione particolare al legame fortissimo tra l’ente e il lago Trasimeno.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *