Epidemia di SLA in Sardegna, quantità troppo elevate di metalli pesanti nel sangue

Un servizio dell’emittente Sardegna Uno, nel mese della prevenzione SLA, conferma quantità abnormi di metalli pesanti.

In Sardegna e più precisamente nella provincia del Medio Campidano, si registra un’altissima incidenza, tra l’altro in crescita, di casi di sclerosi laterale amiotrofica. Lo riferisce il telegiornale dell’emittente Sardegna Uno, che conferma come le analisi effettuate sui pazienti malati di sla abbiano rivelato abnormi quantità di metalli pesanti nelle urine.
Maggio è il mese della prevenzione della SLA, ipotesi inquinamento ambientale oramai non si può più negare

Nel mese della prevenzione della sclerosi laterale amiotrofica, l’AISLA, associazione italiana sclerosi laterale amiotrofica, spiega cause e sintomi della malattia degenerativa. La malattia, conosciuta anche come “Morbo di Lou Gehrig”, è una malattia neurodegenerativa progressiva, cioè colpisce il sistema nervoso ed in particolare le aree del movimento e può solo peggiorare. Per quanto riguarda le cause la stessa AISLA afferma che non vi è una certezza assoluta ad oggi e che comunque si tratta sempre di fattori concatenati. Unica certezza è la presenza di metalli pesanti nel sangue

Tra le varie possibili cause dell’insorgenza della malattia, si citano l’eccesso di glutammato, la predisposizione genetica e i fattori ambientali tossici. E’ proprio di questo che parla il servizio di Sardegna Uno. Da fonte AISLA si legge testualmente “esistono diversi elementi, alluminio, mercurio o piombo o alcuni veleni e certi pesticidi agricoli che possono danneggiare le cellule nervose e i motoneuroni”. Ma com’è possibile che in Sardegna vi sia una così alta incidenza di questi veleni? Non c’è una specifica incidenza geografica, eppure in Sardegna ci si ammala di più

Sebbene l’AISLA specifichi che ad oggi non è stata accertata l’incidenza di SLA in una determinata regione, cioè che la media sarebbe uguale in tutta Italia, in realtà nel territorio del Medio Campidano sardo la media è molto più alta che nel resto d’Italia, ed i valori riscontrati nelle urine dei malati non lasciano dubbi: sono troppo elevati. Non è possibile negare che in Sardegna, come già riferito in uno studio molto accurato e documentato del Dottor Mark Purdey e riportato dall’Ingegnere Rosario Marcianò, vi sia una precisa scelta di installazioni militari e di sperimentazione ambientale. Test per diffondere bario e stronzio nell’atmosfera per agevolare le trasmissioni radio. Esattamente quei metalli pesanti di cui parla l’AISLA. Inoltre la Sardegna è sede di basi militari dalle quali come è noto provengono, a causa dei poligoni di tiro, nano particolati di uranio impoverito. Sempre più malattie vengono messe in relazione con irrorazioni chimiche di ogni tipo, provenienti dal basso o rilasciate da aerei (le cosiddette scie chimiche) e che finiscono nei campi nei quali si registrano, test alla mano, sterilità e danni a causa di questi silenziosi e mortali veleni. Un’altra malattia, il morbo di Morgellons, è sempre più messo in relazione con irrorazioni chimiche. Ciò che non si vede può sembrare innocuo, ma questa impennata di SLA in Sardegna non può non allarmare, perchè i danni all’organismo iniziano a manifestarsi. Intanto arrivano speranze di cura, sebbene ancora in fase sperimentale.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *