Buona Befana 2015!

Un altro anno è appena terminato.
Il 2014 è stato un anno particolarmente difficile dove ho rischiato più volte di morire.

Ma questo è il passato…
Il presente dice che sono ancora vivo e vegeto (e non vegetale).

Vedo le persone parlare, gesticolare, camminare, mangiare, …
Vedo la gente correre, urlare, cantare, ballare…

Mi sembra un miracolo!

Un miracolo…per me che ogni verbo di movimento è negato.
Un miracolo…per me che mi sono rimasti solo gli occhi e un computer speciale per poter comunicare.

Non posso dire di essere felice, visto che, come un bambino di pochi mesi, ho bisogno degli altri per ogni cosa, ma con il tempo, ho raggiunto una serenità che non pensavo mai di poter raggiungere.

Non mi sono piaciuti i compromessi…
Ma vivendo questa avventura con la sla, sono riuscito a capire che la serenità è solo un compromesso.

Un compromesso tra ciò che si vuole fare e ciò che si può fare.
Un compromesso tra ciò che si era in passato e ciò che si è ora.
Un compromesso tra il non c’è niente del presente e ci sarà una cura nel futuro.

E poi…vedo le persone abbracciarsi.
Io non posso farlo, ma vi posso assicurare che tutti i santi giorni, sento gli abbracci dei capranichesi e non.

La vita è dura.
In base alla mia esperienza con questa malattia, posso dire che con me lo è stata in modo particolare, ma credetemi, non ho proprio voglia di piangermi addosso e di lamentarmi, anche se credo che ne avrei tutti i diritti.
E questo, anche per l’affetto che quotidianamente sento, nelle forme più svariate.

Se dovessi ringraziare tutte le persone che mi sono state vicine in questi 13 anni di malattia, non finirei più e ci vorrebbe un’altra vita.

Già…un’altra vita…
Come quella a cui aspiro.
Perchè guarire sarà come rinascere.

Ringrazio di cuore tutti voi presenti.
Ringrazio i commercianti di Capranica e tutti coloro che si sono dati da fare affinchè questo evento si concretizzasse.

IO GUARIRÒ…
IO GUARIROOÒ…
IO GUARIROOOOÒ…

E sarà anche per merito vostro!

Luka